Certificazione FSC in Italia: il report 2016

Articolo pubblicato lunedý 23 gennaio 2017
Certificazione FSC in Italia: il report 2016

Con 2.083 imprese certificate in Italia che coinvolgono oltre 2.500 realtà produttive il sistema FSC si conferma come il principale schema di certificazione forestale nel mercato legno-carta italiano.

Un primato questo che mantiene il nostro Paese al 5° posto al mondo e al 3° posto in Europa per numero di certificazioni. Lombardia, Veneto e Friuli-Venezia Giulia si confermano le regioni con il maggior numero di certificazioni attive, con i settori della stampa e seconda trasformazione di legno e carta in testa.

 
CERTIFICAZIONE DI GESTIONE FORESTALE

Per quanto riguarda la superficie ricoperta da boschi o piantagioni certificate, a fine 2016 vi è da registrare una contrazione dell’estensione totale dovuta alla temporanea interruzione dell’esperienza dell’Unione di Comuni Montana - Colline metallifere, che contribuiva con 11.450 ha (oltre il 25% del totale) al computo dell’anno precedente. 

Ma a fine anno si è registrata la nuova certificazione dei boschi planiziali e delle pinete litoranee gestite dall’Associazione Forestale di Pianura (all’interno del gruppo Wald Plus), che rappresenta un caso originale di boschi e boschetti gestiti prevalentemente per scopi turistico-ricreativi e per questo visitati da centinaia di migliaia di turisti ogni anno. Tale certificazione è la conclusione positiva del primo - e, per ora, unico in Italia - investimento nella certificazione di piccoli proprietari (smallholders) voluto da FSC International, a partire dal 2013, in 40 Paesi diversi. 

Complessivamente la superficie si è assestata a poco più di 43.000 ha.

CERTIFICAZIONE DI CATENA DI CUSTODIA

Sul fronte delle diverse filiere di trasformazione dei prodotti grezzi o semilavorati, il trend si è mantenuto costantemente in crescita, raggiungendo il totale di 2.068 realtà titolari di certificazione CoC che coinvolgono circa 2.500 unità produttive, alcune delle quali riunite in certificazioni di gruppo (in crescita) o multi-sito (nel caso di grandi gruppi industriali). Nel corso dell’anno si sono registrate complessivamente 238 nuove certificazioni, che – al netto degli abbandoni o delle sospensioni - hanno portato ad una crescita complessiva del 5% rispetto al 2015, con un tasso di mantenimento di quasi il 93%.
I settori numericamente prevalenti sono sempre quelli del settore carta, stampa ed imballaggi in carta e cartone, ma anche il settore degli arredi si è consolidato su cifre significative (oltre 11% del totale) seguito da quello del legno per l’edilizia (strutture, pavimenti serramenti). Significativa, da questo punto di vista, la certificazione della nota casa di produzione di cucine, Snaidero Rino S.p.a., avvenuta proprio a dicembre 2016.

* Nella classificazione si è tenuto conto della prima tipologia di prodotto dichiarata
 dall'Azienda certificata nel database di FSC.
 
FSC A LIVELLO INTERNAZIONALE

Su scala internazionale, la superficie forestale certificata FSC è ulteriormente aumentata nel 2016, raggiungendo circa 197 milioni di ettari in 80 Paesi; il numero complessivo delle certificazioni CoC ha superato la soglia delle 30 mila unità (31.700), con un aumento di poco inferiore a quello misurato a livello nazionale (+4%).

Fonte: it.fsc.org

Patrocini